Workshop Siteb/Osmotech, ecco i materiali che abbiamo realizzato

Filed under: Eventi, Grafica e pubblicità

osmotech_siteb

osmotech_siteb_3

osmotech_siteb_2

Il 28 aprile si è tenuto il Workshop SITEB/Osmotech al Polo Tecnologico di Pavia. Il titolo era “Profumo d’Asfalto” e gli incontri erano rivolti agli operatori del settore bitume che volevano formarsi e migliorare le loro conoscenze sulle normative per le emissioni odorigene e i sistemi di mitigazione più adatti.

Per l’occasione abbiamo realizzato per il nostro cliente Osmotech una cartellina multifunzione: un contenitore per la Proposta commerciale rivolta ai partecipanti e per raccogliere i materiali utili e uno strumento di presentazione per l’evento e la società.

 

CieloBlu Sposa l’Arte, la nuova sezione sul sito

Filed under: Eventi, Soluzioni interattive

CieloBlu_sposa_l_arte_1

CieloBlu_sposa_l_arte_2

 

È iniziata ormai più di un anno fa e ogni appuntamento è stato un grande successo. Parliamo di Cielo Blu Sposa l’Arte, la rassegna di mostre personali di sculture, fotografie e oggetti di design che organizziamo per il nostro cliente CieloBlu, che la ospita nel suo atelier di abiti da sposa sartoriali di Lissone.

Da oggi sul sito potete consultare l’archivio completo delle mostre e ammirare le opere degli artisti che hanno già esposto.
Continuate a seguirci, Cielo Blu vi aspetta in Atelier con i prossimi appuntamenti :)

Il progetto Web 0.0 di Biancoshock: come vivere senza Internet nel 2016

Filed under: Comunicazione che ci piace

biancoshock_5biancoshock biancoshock_1 biancoshock_2 biancoshock_3 biancoshock_4

Lo street artist milanese Biancoshock si è trasferito per un breve periodo a Civitacampomarano, un piccolo paesino molisano di circa 400 anime che vivono tranquille praticamente senza Internet, cellulari né copertura di rete; è nato così il progetto “Web 0.0″.
L’artista ha decorato alcuni luoghi del paese e applicato i loghi di alcuni dei più noti siti e social network ai loro equivalenti nella vita reale: così la signora più anziana e saggia del paese è Wikipedia, la buca delle lettere è Gmail, Twitter si fa spettegolando su una panchina, Facebook è la bacheca per le affissioni comunali, la cabina telefonica ovviamente è Whatsapp e il furgoncino per le consegne si chiama WeTransfer.

Il provocatorio messaggio che vuole lanciare Biancoshock, senza negare ovviamente i vantaggi di internet e dell’evoluzione tecnologica della comunicazione, è che a causa dei dispositivi mobili e del nostro essere perennemente connessi abbiamo perso l’abitudine di parlarci di persona e di compiere gesti fisici e reali. Come si può notare, gli anziani (e isolatissimi) abitanti di Civitacampomarano si arrangiano bene ugualmente ;)
Meditate gente, meditate!